SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Nuova Bugatti Chiron Pur Sport 2020: pensata per le curve

Bugatti Chiron Pur Sport – Bugatti ha presentato una nuova variante della sua supersportiva Chiron, il cui nome è Pur Sport. Questa nuova serie speciale è stata espressamente pensata per essere efficace sui percorsi misti. Vedremo tra poco quali soluzioni hanno adottato gli ingegneri della Bugatti per raggiungere questo obiettivo.

La Pur Sport sarà prodotta in 16 esemplari con un prezzo che parte da tre milioni di euro tasse escluse.

Bugatti Chiron Pur Sport

Bugatti Chiron Pur Sport: un grosso alettone per trovare carico aerodinamico

Bugatti accantona sulla Chiron Pur Sport l’obiettivo velocità massima per concentrarsi sulla guida nel misto. L’accorgimento che salta subito all’occhio è un nuovo alettone fisso largo 1,9 metri avente i supporti inclinati verso il centro. La mancanza del sistema idraulico per regolarne l’inclinazione ha fatto risparmiare 10 kg di peso.

Bugatti Chiron Pur Sport

L’alettone è solo uno degli elementi che sono stati rivisti per cercare del carico aerodinamico aggiuntivo. Gli ingegneri hanno lavorato ad esempio sui paraurti, che sono stati ridisegnati per trovare un equilibrio tra carico aerodinamico e penetrazione nell’aria. Basti vedere il paraurti anteriore totalmente ridisegnato, con delle grandi prese d’aria e un vistoso splitter che permette di recuperare prezioso carico.

Bugatti Chiron Pur Sport

La carrozzeria è bicolore blu-fibra di carbonio. Tutta la parte inferiore è lasciata a vista.

Bugatti Chiron Pur Sport: risparmiati 50 chili!

La riduzione di peso è uno degli obiettivi che gli ingegneri della Bugatti si sono posti per rendere la vettura piacevole da guidare nel misto. Oltre ai 10 kg risparmiati montando l’alettone fisso, sono stati limati altri 16 kg realizzando dei nuovi cerchi in lega. Questi sono tra l’altro dotati di aero blades per migliorare l’efficienza aerodinamica e la ventilazione interna, e calzano pneumatici Michelin Sport Cup 2 R 285/30 20″ e 355/25 21″. La riduzione di peso di queste masse non sospese permette di migliorare decisamente l’handling del mezzo. Anche l’impianto frenante ha subito delle modifiche, che hanno permesso di risparmiare altri 3 kg: ora il materiale d’attrito è il titanio e la dimensione dei dischi è cambiata.

I terminali di scarico sono nuovi, e contribuiscono anch’essi alla riduzione del peso: il materiale usato è il titanio, e sono prodotti avvalendosi della stampa 3D.

Bugatti Chiron Pur Sport

L’accelerazione laterale migliora del 10 %

I cerchi e le gomme hanno contribuito, insieme alla maggior deportanza, ad un aumento della tenuta laterale quantificato in un 10 %. A questo risultato ha contribuito un assetto pesantemente rivisitato. Infatti le molle sono ora più rigide del 65 % all’avantreno e del 33 % al retrotreno; inoltre è stata implementata una nuova barra antirollio in fibra di carbonio. Sono stati rivisti anche gli angoli caratteristici, i supporti delle sospensioni e il software di gestione.

1500 CV per 350 km/h

Il motore della nuova Bugatti Chiron Pur Sport è l’arcinoto W16 8 litri biturbo, che eroga ben 1500 CV e 1600 Nm di coppia, senza subire modifiche rispetto alla Chiron standard. Il suo regime massimo di rotazione è di 6900 rpm. È abbinato a un cambio con rapporti più corti del 15 % e rivisto in generale per privilegiare l’accelerazione piuttosto che la velocità massima. Gli ingegneri ne hanno rinnovato ben l’80 % delle componenti. Ne conseguono prestazioni in accelerazione mostruose, tuttavia non dichiarate. Sappiamo solo che il passaggio da 60 a 120 km/h è ora più rapido di 2 secondi. La velocità cala invece a 350 km/h.

Interni

Negli interni della Bugatti Chiron Pur Sport è stato fatto un uso massiccio dell’alcantara per i rivestimenti (vedi la corona del volante). Per le finiture è stato poi utilizzato tessuto lavorato al laser al posto del metallo (ad esempio per i pannelli interni delle portiere). I pulsanti e i comandi si possono personalizzare con una finitura a scelta tra nera, in alluminio anodizzato o in titanio. Le cuciture blu a contrasto sono poi usate per i sedili e il volante. Questo colore contorna poi la consolle centrale a ponte.

Le altre novità del Salone di Ginevra 2020:

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Mattia Martishttps://vehiclecue.it
Mi chiamo Mattia, e studio ingegneria meccanica presso l'Università degli studi di Cagliari. Mi appassionano in generale tutti i mezzi di trasporto e in particolare le automobili.